ECOBONUS ORDINARIO

ECOBONUS ORDINARIO su singole unità e su parti condominiali- art. 14 DL n. 63/2013, convertito in legge 3 agosto 2013 n. 90


Durata fino al 31 dicembre 2021

Prorogato dalla Legge di Bilancio 2021 alla fine del 2021 l’Ecobonus è un’agevolazione fiscale che consente a privati (persone fisiche, società di persone, imprenditori individuali, professionisti), e società (società di capitali ed enti) di detrarre dall’IRPEF o dall’IRES una parte delle spese sostenute, sino al 31 dicembre 2021, per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti (abitazioni monofamiliari e immobili a destinazione produttiva o commerciale) e sino al 31 dicembre 2021 per i medesimi interventi eseguiti su parti comuni dei condomini.
L’agevolazione può riguardare la singola unità immobiliare o anche parti comuni di condomìni con aliquote variabili: per ecobonus singole unità immobiliari dal 50% al 65%, per ecobonus condomini dal 70% al 75%, a seconda del tipo di intervento (più o meno impattante). La detrazione va ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Chi può ottenerlo

I seguenti soggetti che sostengono le spese per l’intervento di riqualificazione energetica e che posseggono, o detengono, l’immobile sulla base di un titolo idoneo (proprietà, nuda proprietà, comodato registrato, usufrutto, locazione o leasing con consenso del proprietario)

  • le persone fisiche,
  • società di persone,
  • professionisti
  • società di capitali ed enti,
  • familiare convivente con il proprietario o detentore e il convivente more uxorio non proprietario né titolare di un contratto di comodato (solo per gli immobili a destinazione abitativa)
  • acquirente dell’immobile (oggetto dell’intervento)
  • Istituti autonomi case popolari (IACP)

Interventi ammessi

Con detrazione del 50% per i seguenti interventi energetici eseguiti su singole unità immobiliari:

  • acquisto e posa in opera di finestre, comprensive di infissi (detrazione massima 60.000 euro);
  • acquisto e posa in opera delle schermature solari (di cui all‘All.M, D.Lgs. 311/2006) (detrazione massima 60.000 euro);
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla Classe A (Reg. UE 811/2013) (detrazione massima 30.000 euro);
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (detrazione massima 30.000 euro).acquisto e posa in opera di finestre, comprensive di infissi (detrazione massima 60.000 euro);

Con detrazione del 65% per interventi energetici eseguiti su singole unità immobiliari:

  • riqualificazione energetica “globale” (detrazione massima 100.000 euro);
  • strutture opache orizzontali e verticali (detrazione massima 60.000);
  • installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda (detrazione massima 60.000);
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale (detrazione massima 30.000 euro)
  • cquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, che consentano di ottenere un risparmio di energia primaria pari almeno al 20% (detrazione massima 100.000 euro);
  • impianti geotermici a bassa entalpia (detrazione massima 30.000 euro);
  • sostituzione di scaldacqua tradizionali con quelli a pompa di calore (detrazione massima 30.000 euro);
  • acquisto, installazione e messa in opera dispositivi multimediali per controllo da remotoimpianti di riscaldamento, acqua calda e climatizzazione abitazioni.

Solo per interventi energetici eseguiti su parti comuni di edifici condominiali

  • detrazione del 70% se l’intervento di riqualificazione interessa l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda;
  • detrazione del 75%, se l’intervento di riqualificazione è diretto a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva.

Ristrutturare casa

Registrati ad Acen 110 per

  1. inviare una manifestazione di interesse a effettuare lavori
  2. ricevere documentazione integrativa
  3. inviare quesiti
  4. scoprire se l'intervento rienta nei Superbonus